BCEsprimiamo ferma condanna e forte preoccupazione per l’attentato ai danni del dirigente del comune di Cosenza Carlo Pecoraro.

Non azzardiamo ipotesi sull'origine del gesto criminale, tuttavia è forte la sensazione che esso sia in qualche misura in relazione con il ruolo in comune dell’ing. Pecoraro.

Per questo motivo chiediamo alle forze dell’ordine ed alla magistratura di mantenere alta l’attenzione sulle attività dell’ente e di accertare se in esse si possano ritrovare le cause di questo esecrabile episodio delittuoso.

Noi di Buongiorno Cosenza, senza se e senza ma, continueremo ad essere vigili e dalla parte di chi opera per il bene della nostra collettività.

 

Polo Civico - Buongiorno Cosenza

 

S NucciLe stranezze del settore "Programmazione Risorse finanziarie - Bilancio - Tributi" del comune di Cosenza non finiscono mai. E pensare che il settore è retto, ormai da tanto tempo, da un dirigente di innate capacità, tanto da riuscire nell'ardua impresa di guidare, contemporaneamente, anche altri settori che dell'ente sono vitali.

La stranezza di questa volta riguarda una determina, n° 2069 del 2013 con la quale si autorizza il pagamento di una ditta, tra le tante in credito con l'ente, adducendo come motivazione il "grave disagio economico" nel quale essa versa.

Non ho motivo di dubitare che la ditta citata nella determina 2069 non viva il grave disagio economico del quale parla il dirigente plenipotenziario; del resto, chi di questi tempi non ha difficoltà?

Ma riportare nel corpo dell'atto la frase "accertato che la ditta xxxx si trova in grave disagio economico" stimola una considerazione banale quanto ovvia: di quali strumenti sarà dotato il buon dirigente per accertare se e in quale misura taluno versi in situazioni di grave disagio economico?

E quale grado di gravità è quello che consente di derogare alla necessaria par condicio?

Ripeto, con molta probabilità la ditta della determina attenzionata soffre particolarmente della grave crisi che attanaglia ormai gran parte della popolazione, ma per un criterio di equità e trasparenza mi chiedo e chiedo: non sarebbe stato più opportuno estendere a tutti i creditori presenti nell'elenco dei debiti fuori bilancio approvato con  delibera consiliare n. 43 del 11/07/2013, l'indagine in ordine al loro disagio?

Non sarebbe stato un gesto di gentilezza, come la definisce il sindaco, dare una boccata d'ossigeno a quelle ditte che non hanno avuto la fortuna di poter certificare il proprio disagio, atteso che anche per loro il pagamento avverrà, se avverrà, dopo l'approvazione del bilancio di previsione e comunque dopo il prossimo 30 novembre?

I miei dubbi credo siano legittimi, a fronte di comportamenti che mi paiono rasentare l'illegittimità.

Alla faccia dei principi della trasparenza, della lealtà e della chiarezza di comportamento....

Sergio Nucci
Consigliere Comunale di Cosenza
Presidente Gruppo "Polo Civico - Buongiorno Cosenza"

Sergio NucciDesidero riproporre all’attenzione della cittadinanza la vicenda che avevo già denunziato nello scorso mese di agosto riguardo all’esorbitante costo sostenuto dal Comune di Cosenza per il noleggio di un palco e del gruppo elettrogeno di alimentazione  per “l’evento Lungo Fiume Boulevard 2013”; avevo allora rilevato come la spesa complessiva – pari nel complesso ad Euro 95.832 – apparisse del tutto sproporzionata, visto che con ben minor spesa addirittura si sarebbe potuto procedere all’acquisto delle attrezzature.

Per questo avevo chiesto al Sindaco del Comune di Cosenza se intendesse avviare accertamenti sulla legittimità dell’operato degli uffici comunali.

Il giorno dopo la pubblicazione della nota e il deposito dell’interrogazione, la stampa locale ha dato notizia delle precisazioni dell’Ingegner Pecoraro sulla vicenda.

Ho allora chiesto di sapere se quanto riportato dalla stampa dovesse ritenersi la risposta ufficiale dovuta; ho atteso pazientemente che nei termini fissati dal Regolamento del Consiglio Comunale venisse fornita la richiesta risposta scritta – 15 giorni ai sensi dell’art. 29 – e nulla è accaduto.

Difficile rispettare le regole al Comune di Cosenza ….

Devo dunque presumere che quella formulata dall’Ing. Pecoraro sia la risposta ufficiale fatta propria dal Sindaco.

E vediamone allora il contenuto.

Mi è stato risposto che occorreva “chiarire che le somme a cui fa riferimento il consigliere Nucci non sono state spese, così riduttivamente come lo stesso vorrebbe che apparissero, per un palco ed un gruppo elettrogeno”,  ma afferivano invece al noleggio di ben sei palchi e di un gruppo elettrogeno da 250 kw e non da 60 kw  come da me “imprecisamente” denunciato, e per una durata di circa 60 giorni.

Mi sia premesso dire che al Comune di Cosenza si fa fatica a rispettare anche la sintassi …

Ma non è questo il problema: viene in rilievo il merito delle scelte adottate e pervicacemente difese.

Mi chiedo di che cosa si stia parlando: nelle determine che sono state rilasciate dietro mia richiesta e che le allego in copia è chiaramente indicato che:

I

a)      si doveva procedere alla istallazione di 1 palco modulare, in acciaio zincato, delle dimensioni di mt. 12 per mt.  10 e che tanto veniva disposto ( determina n. 1153 del 2013);

b)       la ditta affidataria aveva presentato “per la messa in opera e l’assistenza tecnica del palco” un’offerta di importo pari ad euro 39.600, oltre IVA;

c)       è stato disposto il pagamento della somma di euro 47.916 (pari ad 39.600 + 8.316 per IVA) per il  “nolo del palco per la manifestazione Lungo Fiume Boulevard 2013” (determina n. 1888 del 2013);

II

a)      “era necessario installare un gruppo elettrogeno della potenza di 60 kw in modo temporaneo, per alimentare il palco” e che tanto veniva disposto(determina n. 1152 del 2013);

b)      la ditta affidataria si era “dichiarata disponibile ad eseguire immediatamente il servizio richiesto”, avendo altresì presentato un’ offerta pari ad euro 39.600, oltre accessori;

c)       è stato disposto il pagamento della somma di euro 47.916 (pari ad 39.600 + 8.316 per IVA) per il servizio di noleggio del gruppo elettrogeno (determina n. 1887 del 2013);

III

        Le fatture presentate all’incasso alla ditta affidataria recano riferimento al “noleggio in opera del palco per gli spettacoli e gli eventi” … giusta determinazione dirigenziale n. 1153 del 13 giugno 2013 (fattura n. 7) e “noleggio di un gruppo elettrogeno dal 14 giugno 2013 al 28 luglio 2013” giusta determinazione dirigenziale n. 1152 del 13 giugno 2013 (fattura n. 8)

Detto in parole semplici, dalla documentazione formale del Comune di Cosenza e dal riscontro con le fatture presentate dalla ditta affidataria, emerge senza margini di dubbio che, contrariamente a quanto affermato dall’Amministrazione, i provvedimenti adottati afferivano al noleggio di un solo palco e di un gruppo elettrogeno di potenza pari a Kw 60.

Ancora, sulla scorta della documentazione offerta dalla ditta affidataria, si rileva che il noleggio del gruppo elettrogeno non si è protratto per 60 giorni – per come sostenuto in altra parte della nota di replica  – ma per un periodo inferiore.

Il testo della risposta dell’Amministrazione non corrisponde affatto alla documentazione ufficiale.

Anzi, suscita una serie di dubbi:

  1. ma quanti sono i palchi noleggiati: 1 o 6?
  2. e perché non  50?
  3. l’Amministrazione Comunale rispetta quanto deliberato oppure procede arbitrariamente come meglio le aggrada?
  4. consegna nei suoi atti la volontà provvedimentale oppure prescinde dal rispetto delle forme?
  5. e se così facesse, come si può garantire il rispetto delle norme ed escludere la possibilità di scelte arbitrarie?
  6. come può essere sostenuto quanto dichiarato dall’Amministrazione se confligge con gli atti formati dallo stesso Comune di Cosenza?

Ma questa vicenda impone una ulteriore considerazione.

Il modus procedendi suscita gravi dubbi in ragione del fatto che è stata operata una frammentazione della fornitura in maniera tale da ricondurre ogni spesa sotto il tetto dei 40.000 Euro, così legittimando il ricorso all’affidamento fiduciario ed escludere la indizione di una gara pubblica.

In altri termini, il Comune di Cosenza – che aveva bisogno di un palco e di un gruppo elettrogeno posto dichiaratamente a suo servizio – piuttosto che procedere alla indizione di una regolare e trasparente gara di appalto e senza che sussistesse alcuna urgenza, ha deciso di dividere in due “la commessa” e di superare quindi tutte le norme di trasparenza assegnando con assai minori garanzie l’incarico.

È noto, sotto questo profilo, che l’ordinamento non consente tutto ciò; d’altro canto, mi sembra evidente che l’incarico fosso unitario, così come desumibile dal suo oggetto – il noleggio di un solo palco e di un gruppo elettrogeno a suo servizio – e in una certa misura confermato dal fatto che affidataria dello stesso è risultata essere la medesima azienda.

Motivi tutti che hanno imposto non solo questa risposta ma anche la presentazione di un esposto alla Procura della Corte dei Conti per l’accertamento dei fatti e delle eventuali responsabilità.

I cittadini di Cosenza ricorderanno che in occasione del ballottaggio ho sostenuto alla luce del sole la candidatura di Mario Occhiuto; ciò non mi impedisce di denunciare quello che, ai miei occhi di consigliere comunale, suscita dubbi e perplessità in ordine alla correttezza delle scelte operate dall’Amministrazione che egli guida.

Amicus Plato, sed magis amica veritas.

Sergio Nucci
Consigliere Comunale di Cosenza
Presidente Gruppo "Polo Civico - Buongiorno Cosenza"

nucci02Ho presentato stamane al Presidente del consiglio, unitamente ai consiglieri, Andrea Falbo, Massimo Bozzo, Roberto Bartolomeo, Giovanni Cipparrone, Giuseppe Mazzuca, Enzo Paolini, Giovanni Perri, Marco Ambrogio e Domenico Frammartino, una richiesta di Consiglio comunale per discutere delle problematiche che i cantieri aperti in più punti della città arrecano ed arrecheranno a residenti e non.
E’ auspicabile che in consiglio venga fornita una informativa dettagliata su tutte le misure che l’amministrazione ha in animo di adottare per il rientro in città dei cosentini e per l’imminente apertura dell’anno scolastico, atteso che gran parte del centro risulta interdetto alla sosta ed alla circolazione sia pedonale che automobilistica.
Ad oggi, infatti, le poche auto ed i pochissimi cosentini presenti in città hanno avuto un bel da fare a districarsi tra transenne e divieti posti in ogni dove.
Cosa succederà quando, finite le ferie, la citta si riempirà?
In consiglio la “rivelazione”.

Sergio Nucci

cenisio 2Dal venti agosto è partita la raccolta differenziata dei rifiuti nella nostra amata Cosenza. Si tratta di un segno di civiltà e di adeguamento alle realtà europee tanto evocate e che la città meriterebbe senza dubbio alcuno.

Peccato che la maggior parte dei cittadini, ancora ad oggi, siano sforniti dei contenitori dedicati che sono stati consegnati presso le abitazioni dei cittadini senza preavviso e di mattina.

Gran parte di noi lavora ed ovviamente non ha ricevuto i preziosi recipienti: quindi, solo pochi, e per combinazione o per fortuna che in quel momento si trovavano a casa, potranno godere del progresso.

Io stessa ho telefonato in Comune per avere delucidazioni e mi è stato risposto che non consegneranno più e che bisogna andare a prendere i contenitori di persona (non sono accettate deleghe) in un ufficio posto nel centro storico per rendere più agevole la consegna!

Ora io mi chiedo: come mai non hanno pensato a mettere un avviso nei vari condomini con una data ed un ora di consegna?

Non era forse la cosa più semplice da pensare?

E per gli anziani che in quel momento erano a fare una passeggiata con la badante, o per gli invalidi in carrozzina portati al parco , proprio in quella ora della consegna non prevista, come la mettiamo?

Viste l’importanza e la difficoltà dell’operazione, Buongiorno Cosenza invita gli organizzatori di questa operazione a rifare la consegna  con preventivo avviso e magari ad accettare un'unica delega da dare a chi può esserci al momento della consegna.

Sbaglio o chi non è in regola sarà multato?

Visto che così  aumenterà ancora il senso civico dei nostri superpazienti  concittadini, l'amministrazione si adeguerà trattando con rispetto i propri datori di lavoro con un esempio di grande civiltà ripetendo l’operazione di consegna e ammettendo di aver sbagliato.

La città di Cosenza sarà loro grata. 

 

Fabiola Cenisio

Segretario di Buongiorno Cosenza

©2022 Buongiorno Cosenza. Tutti i diritti riservati.

Cerca

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione su di esso . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo e come cancellarli, vedi la nostra politica sulla privacy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information