Domenica, 22 luglio 2018 ore 22:34

Da ANSA:
RSS
Sei qui Le News

Le News

Piovono calcinacci

E-mail Stampa PDF

calcinacci-696x928 Nel 2009 la Sony Pictures Animation ha prodotto un film d’animazione dal titolo “Piovono Polpette”. Già questo titolo a noi cosentini rievoca un’illustre pietanza ma c’è sempre spazio al miglioramento, ed ecco che nel 2018, dopo 9 anni, è andato in scena “Piovono Calcinacci”. Solo il fato ed il pronto intervento dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale hanno fatto si che nessun danno si verificasse e che, questa caduta di materiale dalla Sopraelevata portasse soltanto alla chiusura del tratto stradale sottostante. Parliamo di una struttura di una certa rilevanza, in modo particolare alla luce delle ormai prossime variazioni che il sistema di mobilità cittadino subirà. Negli ultimi mesi, la stessa, ha beneficiato di interventi sul manto stradale, sicuramente necessari per le condizioni dell’asfalto, ed ancora ne necessita in altri tratti. Oggi chiede a gran voce, semmai vi fossero stati dubbi in tal senso, che c’è bisogno di una manutenzione a più ampio raggio.Ben vengano dunque le azioni volte a rivitalizzare la città, ben vengano le esposizioni di Dinosauri (a grandezza naturale o in miniatura), ma crediamo sia necessario anche dedicarsi ad un piano strutturato di manutenzione degli edifici e delle strutture, oltre che ad un suo successivo continuo aggiornamento. Affinché i cittadini possano vivere la città con il giusto spirito ed in piena sicurezza, indipendentemente dal luogo in cui si trovano.

Nuccio Tangari – Buongiorno Cosenza

Il sindaco di tutti

E-mail Stampa PDF
 occhiuto-nolè-commemorazione-defunti “Sarò il sindaco di tutti”. Questa frase l’abbiamo ascoltata e letta decine e decine di volte, e come sempre è stata disattesa, e non crediamo di sbagliare nell’affermare che anche nelle stanze dei bottoni, quei luoghi dove vengono prese le decisioni ed i relativi provvedimenti, sia in vigore una ZTL che inibisce l’accesso a chi ha idee contrarie e vorrebbe esprimere le sue ragioni, non per imporre ma per dialogare.
Apprendiamo da fonti a noi vicine che oltre le prese di posizioni di associazioni di categoria, di movimenti civici e di singoli cittadini, sull’istituzione della ZTL nel centro storico si sia espressa anche la Curia, attraverso un incontro avvenuto tra rappresentanti ecclesiastici ed il primo cittadino.
In questa sede la Curia avrebbe dapprima richiesto una revisione dell’ordinanza, salvo poi minacciare neanche troppo velatamente il trasferimento nel Comune di Rende.
Dialogo chiesto anche dai rappresentanti di commercianti, imprenditori enti privati etc., attraverso una lettera in cui si chiede la sospensione del provvedimento e la possibilità di evidenziare tutti i risvolti negativi di questa ordinanza. Ma non finisce qui perché, seppur vi siano sempre i soliti tentativi di screditare gli altri, in questa lettera si citano anche delle controproposte.
Che sia chiara una cosa, queste persone sono mosse da interesse, ed è assolutamente corretto che sia così. Queste persone vivono nel centro storico, operano in questo luogo, i propri guadagni necessari per vivere dignitosamente arrivano grazie ad attività ubicate nella parte storica della città.
Persone che quotidianamente vivono dei disagi, da stamani ne avranno altri.
Crediamo che tali motivazioni possano bastare per far capire quanto sia impattante e importante tale decisione.
Ricordiamo a quest’amministrazione che è nella norma che ad una reazione risponde una reazione.  Sino ad oggi abbiamo registrato civiltà, educazione e contenuti.
Ed allora la prima cosa che chiediamo, è l’abolizione della ZTL nei processi decisionali della città. Chiediamo il ripristino di tavoli di discussioni anche e soprattutto con le realtà (di qualsiasi genere, politiche e non) non rappresentate a Palazzo dei Bruzi.
I processi di democraticità devono essere sia interni sia esterni alla casa comunale.
Dopo il calo demografico dei residenti, dobbiamo registrare ulteriori segni negativi nel commercio e nella perdita di enti (civili ed ecclesiastici)?
“Sarò il sindaco di tutti”, questa è l’ennesima opportunità di dimostrarlo. Speriamo di essere smentiti

Buongiorno Cosenza

Te lo ricordi il Bar Manna?

E-mail Stampa PDF

piazza-kenned3 Te lo ricordi il Bar Manna? Non è il solito refrain, è il nostro modo per iniziare una triste argomentazione su ciò che sta accadendo e che è destinato a proseguire, probabilmente con enfasi maggiore, nel prossimo futuro.

Te lo ricordi il Bar Manna?

Quante volte lo abbiamo detto o sentito dire noi che abbiamo superato gli anta? Ora è giunto il momento di essere consapevoli che ormai frasi di questo genere appartengono allo scrigno dei ricordi.

Fino a qualche anno fa la chiusura di un esercizio commerciale era cosa rara e si dava a questi eventi un enorme risalto, lasciando in dono tristezza e malinconia perché con quella chiusura anche un pezzetto della nostra vita si chiudeva.

Si riusciva ancora a godere del lato umano delle cose, si riusciva ancora a vivere con la giusta considerazione un evento negativo, non restando impassibili ed indifferenti.

Oggi è diverso.

Le attività aprono e chiudono alla velocità della luce e non hanno il tempo di imprimere in noi, nessun segno. Vi è una costante azione volta a distogliere l’attenzione da alcuni problemi, provando a far percepire una città che è molto diversa dalla realtà.

Forse per questo non ci fa effetto un Corso d’Italia con decine di saracinesche abbassate, Corso Umberto antico crocevia dei clienti della provincia, da tempo abbandonato da tutti, o un Corso Mazzini ormai privo di quei negozi eleganti e profumati che rendevano peculiare la nostra città. Oggi c’è spazio solo per alcune categorie, perché maggiormente aderenti al concetto di città ed al modo in cui essa viene vissuta.

Possibile che sia tutto giustificabile con un affrettato e banale...”c’è crisi !”?

Lo spauracchio che da anni ci terrorizza ma che poi in realtà conosciamo bene, perché in questi luoghi la crisi l’abbiamo sposata da secoli e spesso si è costretti a vivere un ménage fatto di piccoli trucchi per risparmiare e comparire.

Eh maledetta crisi...ma non quella di cui abbiamo parlato prima. O meglio non solo lei

La crisi vera è quella della mancanza di idee per rilanciare in modo sano il bel commercio di una volta.

La crisi vera è la mancanza di considerazione del pensiero e delle necessità dei cittadini e degli effetti che si riversano sul tessuto socio economico, nel momento in cui vi sono scelte da assumere.

Questa è la vera crisi. L’impoverimento delle coscienze.

Maria Grazia Cavaliere – Nuccio Tangari

“Buongiorno Cosenza”

Non spegnete le luci del Centro Storico

E-mail Stampa PDF
th2 Alla luce della nuova ordinanza relativa alla ZTL, che ricordiamo entrerà in vigore il prossimo 9 luglio, non possiamo che esternare il nostro pensiero anche su ciò che il centro storico sta concretamente rischiando di subire.
Dobbiamo innanzitutto riconoscere il grande senso di civiltà della lotta e della protesta, messa in atto dai commercianti e dai residenti del luogo.
Un protesta mossa da preoccupazioni concrete e che trovano una condivisione anche nel resto della città, nella Curia che nelle sedi opportune ha manifestato la propria preoccupazione ed il proprio dissenso, sul provvedimento prossimo all’attuazione.
Con questo nostro comunicato vogliamo affermare e/o confermare, la nostra piena solidarietà e vicinanza a tutte le persone, ad iniziare dall’amico Umile Trausi, ed a tutte le categorie interessate, a tutti i cittadini, alle associazioni ed ai movimenti che continuano ogni giorno a chiedere un tavolo di discussione, che possa generare poi dei provvedimenti che hanno delle caratteristiche ben precise: essere strutturali, essere capaci di contribuire ad una vera e propria rinascita del luogo che per storia, cultura, arte dovrebbe occupare un posto sempre più importante nelle decisioni e nei progetti di un’amministrazione che invece non ascolta, non comprende le esigenze e che impone le proprie scelte invece che condividerle.
Volendo essere un minimo pragmatici, ci chiediamo e gradiremmo una risposta da chi ha pensato a questo provvedimento e lo ha firmato:
 
1.    Come può una persona rivolgersi, ad esempio, ad un restauratore che ha il proprio laboratorio nel centro storico?
 
2.    Come può una persona raggiungere senza troppe peripezie o disagi la Curia o recarsi ad acquistare materiale di abbigliamento o di oggettistica sacra?
 
3.    Come può una persona recarsi in farmacia?
 
Sono tutte domande legittime e purtroppo sono solo le prime di una lunga lista.
In questo modo i rischi di emarginare un luogo che già risulta tale è altissimo. I danni rischiano di essere molti sia sotto l’aspetto sociale sia sotto l’aspetto commerciale.
Chiediamo quindi l’applicazione del buon senso, che mai come negli ultimi tempi sembra essere diventato una chimera.
 
“Buongiono Cosenza”
 

Il rispetto della Legge non si annuncia, si pratica

E-mail Stampa PDF

bilancia Se non fosse inverosimile potremmo anche crederci. Questa la chiosa all’annuncio che il sindaco sbandiera ai quattro venti in previsione degli sgomberi degli stabili occupati dai non aventi titolo: “Rispetteremo le leggi dello Stato”.

Quasi una battuta da cabaret, una di quelle boutade che, visto il pulpito, ti farebbero venir voglia di piegarti in due dalla grasse risate.

Eppure l’ha detto: “Rispetteremo le leggi…” . Ora il senso alla frase ognuno lo può dare come meglio crede: “Rispetteremo, come abbiamo sempre fatto”, oppure “Rispetteremo in questa occasione”, o ancora “Rispetteremo d’ora in poi”.

Al buon cuore di ciascun lettore l’interpretazione. Ma la questione a questo punto è davvero un’altra: cosa ha fatto il nostro paladino della legalità quando si è trattato di far rispettare davvero la Legge? Quella Legge con la L maiuscola dove tutti sono eguali tra pari. Dove il potente perde il suo status e l’ultimo riacquista dignità. Dove si trovava? Io non l’ho visto.

Cosa ha fatto e fa quando assiste silente e connivente alle occupazioni del suolo pubblico da parte di chicchessia senza intervenire o sanzionare?

Cosa ha fatto e fa per quanti sono costretti nelle ore del riposo ad essere inermi ostaggi di disturbatori di ogni specie?

Cosa ha fatto e fa per garantire a chi ha disabilità di vivere una vita degna di questo nome abbattendo le barriere che glielo impediscono?

Cosa ha fatto e fa il paladino della legalità per far vivere nel decoro interi quartieri a volte abbandonati a volte abbattuti di questa città?

Cosa ha fatto e fa per coloro che, affrontato e vinto un severo concorso per diventare dirigenti del Comune, si sono sentiti rispondere che il loro diritto non potrà essere riconosciuto?

Cosa ha fatto e fa per tanti valenti cosentini che non riceveranno mai un incarico perché nei loro curricula non è scritto “amico di Tizio o di Caio”?

Ecco allora spiegata questa ilare reazione all’affermazione “Rispetteremo le leggi ……”.

Oggi c’è da stare dalla parte dell’ordinamento per sgomberare i palazzi occupati abusivamente? Ci può stare se a dirlo e a farlo è chi ha sempre ispirato la sua esistenza al “dura lex sed lex”. Ma accettarlo senza uno sghignazzo da chi ha fatto strame di leggi e regolamenti è davvero troppo.

Non siamo dalla parte di chi a seconda delle circostanze e delle convenienze sceglie la cosa che più gli conviene. Siamo e resteremo dalla parte di chi sempre, in ogni comportamento della sua vita, ogni santo giorno, ha rispettato e rispetta il prossimo e la Legge. Li ci troverete.

E naturalmente un pensiero a chi dalla sera alla mattina si troverà su una strada perché qualcuno non ha rispettato la legge dell’Accoglienza e della Solidarietà.

Sergio Nucci

 

Non giochiamo con la salute dei cosentini

E-mail Stampa PDF

nuovo-ospedale-cosenza-01 E’ con vivo rammarico che oggi torniamo a dare voce ai nostri pensieri anche se ne avremmo fatto a meno, perché la speranza di conoscere finalmente una decisione concreta, univoca e condivisa era viva in cuor nostro.

Almeno fino alle 22:30 di ieri sera quando sono iniziate a circolare le prime informazioni, le accuse tra le parti come nella migliore tradizione della guerra tra guelfi e ghibellini.

Il Consiglio Comunale, non all’unanimità, ha deciso di dare mandato al sindaco di Cosenza di interfacciarsi e trovare un accordo con il governatore della Regione sull’ubicazione del nuovo ospedale.

A seguito di questa decisione, pur sforzandoci, non riusciamo ad individuare alcun cambiamento rispetto a qualche giorno fa, che invece era fortemente auspicato da tutta la città.

Due soggetti (governatore della Calabria e sindaco di Cosenza) continueranno a parlare, non possiamo neanche far nostro il mandato affidato al primo cittadino in quanto egli stesso, per effetto della sua carica, ha ricevuto tale mandato (dagli elettori) per rappresentare l’intera comunità e mettere in atto tutte le azioni necessarie al fine di creare valore per la collettività.

Sarebbe stato diverso se il mandato fosse stato affidato a un soggetto diverso, non per antipatia verso il sindaco, perché probabilmente si sarebbe cercata una nuova via d’uscita a questo stallo.

Dovremmo appellarci quindi alla buona sorte, perché il passato ci insegna che le posizioni sono molto nette, distanti e ferme. E’ come se l’uno aspettasse che l’altro facesse il primo passo, il tempo intanto scorre e la questione sanitaria diventa sempre più critica.

Siamo anche stanchi di speranze quasi sempre disattese.

Siamo stanchi di dover continuamente leggere le situazioni critiche ormai protagoniste incontrastate nella nostra città.

Siamo consapevoli che oggi, ancor più di ieri, sia importante la nostra voce e quella di tutti i movimenti e associazioni, perché dobbiamo ricordare a tutti che la partita è della città, dell’area urbana, dell’hinterland.

E’ dei cittadini che oggi vivono la città e di quelli che domani lo faranno.

E’ una partita che di politica non ha nulla e non dovrà aver nulla in futuro.

Domani, dopodomani, passata la tempesta del momento ritorneremo nell’ormai classica situazione di disagio; quel disagio che è stato deciso di contrastare ancora con confronti per trovare ipotetici accordi.

I cittadini, intanto, continueranno a vivere le difficoltà vissute fino ad oggi; il personale medico e paramedico continuerà a lavorare con le ormai note problematiche non solo strutturali ma anche organizzative in relazione al numero di accessi ed alla popolazione da servire.

Dunque non resta che affidarsi al Signore (per i credenti) o affidarsi al fato (per chi non crede).

Ma siamo certi che tutto ciò, non fosse stato possibile evitarlo?

Nuccio Tangari

“Buongiorno Cosenza”

L'un contro l'altro armati

E-mail Stampa PDF

th Pochi giorni fa il sindaco tramite la sua pagina Facebook ha ufficializzato la data del prossimo evento “festaiolo” che si terrà nella nostra città, ovvero la Notte della Luna.

Al di là delle naturali considerazioni su quanto sia effettivamente necessario investire su questo evento, nel mentre la città manifesta le proprie ferite (non dimentichiamo ciò che è avvenuto per un acquazzone estivo), oggi la nostra riflessione è sulla movida, questo ormai famoso movimento di giovani e meno giovani che, nelle ore notturne frequentano i vari locali della città.

Ogni città, e la nostra non fa eccezione, è caratterizzata da luoghi notoriamente conosciuti come luoghi della movida, protagonisti di una vita notturna che si innesta in un sistema economico e sociale importante.

Per questi motivi è chiaro che la nostra posizione non può che essere favorevole ed accogliamo positivamente questa forma di new economy.Non vogliamo, tuttavia, fermarci alle sole ricadute positive e per questo ci spingiamo oltre andando a considerare anche gli appelli dei tanti cittadini esasperati che risiedono in queste zone ad “alta rumorosità”.

Anche la loro voce è importante perché se è vero che una scelta non troverà mai l’apprezzamento di tutti, ciò non significa che non sia necessario mettere in atto tutte le azioni che possano in qualche modo portare ad un riequilibrio.

Siamo certi che questo può avvenire se anche l’istituzione comunale decide di strutturare un piano di gestione e di controllo del territorio, che non deve essere visto come un modo poliziesco ma un approccio collaborativo tra tutti gli attori coinvolti ovvero:

1. Istituzione di ZTL nelle zone interessate come quella di Santa Teresa, con l’istituzione dei varchi video-controllati che permettano monitoraggio e sanzione per gli accessi non autorizzati;

2. Presenza di pattuglie delle forse dell’ordine che possano controllare il rispetto delle regole ed evitare che si possano verificare atti non consoni al contesto in cui ci si trova.

Ma non è corretto discutere solo ed esclusivamente di persone e di attività commerciali, perché alla luce della vocazione festaiola di quest’amministrazione un pensiero vogliamo dedicarlo anche a quegli eventi organizzati direttamente dal Comune.Crediamo che in questi casi sia necessario il buon esempio, la dimostrazione che il divertimento di alcuni può legarsi senza problemi alla necessità di riposo di altri.

Eppure durante la Notte Bianca abbiamo assistito a situazioni al limite della sopportazione, andate avanti anche il giorno successivo, oppure le serate danzanti in piazza accompagnate naturalmente condite da decibel alle stelle.Ma in questa città pur di sottrarsi ai propri doveri ed alle proprie responsabilità (leggi amministrazione comunale), si scaricano le colpe sugli altri al fine di creare fazioni contrapposte.

Una città divisa su qualsiasi tema è una città che non ha la capacità, pur avendone tutte potenzialità, di poter intraprendere un vero percorso di crescita.

Per questo crediamo che debba essere il sindaco, innanzitutto, a cercare di limitare queste schermaglie. Ma questo vuol essere anche un appello a tutta la cittadinanza affinché chiedano a gran voce, a tutte le forze politiche, a tutte le associazioni ed a tutti i movimenti di assumere un atteggiamento diverso.

Dobbiamo iniziare a dialogare, dobbiamo farlo perché nel mentre il tempo scorre la nostra città ha un bisogno continuo di tutti noi.

Le fazioni nascono proprio per questo motivo, si alimentano dalla voglia di non ascoltare gli altri rendendo cosi le proprie idee delle convinzioni.

Le idee, i piani di azione, devono essere valutati nel complesso, capire che ogni aspetto ha un saldo benefici/sacrifici e che ci sono tanti aspetti da considerare ed a volte qualcuno si perde di vista.Collaborando questo rischio può essere mitigato e tutto ciò è sinonimo di maggiore garanzia per la Città.E ritornando al tema del nostro comunicato, basterebbe poco per rendere le sere d’estate o i week end, momenti positivi per tutti.

I locali che lavorano, i nostri giovani che vivono la notte con spensieratezza ed i residenti non più esasperati. E’ questa la movida che vorremmoE’ questa la città che vogliamo, non più spaccata in tante fazioni ma il più unita possibile.E su questo ci batteremo e continueremo a rinnovare i nostri inviti, a formulare le nostre proposte, ad attenzionare tutto ciò che accade per informare i cittadini.

"Buongiorno Cosenza"

Lasciate ogni speranza, o voi che entrate

E-mail Stampa PDF

traffic Il week end ha portato novità alla Città di Cosenza, prontamente comunicate dal sindaco che annuncia (per l’ennesima volta) tramite social, la prossima apertura del cantiere del Parco del Benessere e di conseguenza l’inizio dei lavori per un progetto più ampio, ovvero quella della Metro Leggera. La mente non può che tornare ai giorni antecedenti la Fiera di San Giuseppe, quando l’arteria di Viale Parco fu chiusa al traffico veicolare per consentire lo svolgimento di questo evento. Ricordiamo tutti il grande caos che si è verificato in quei giorni, nel nostro comunicato parlammo di una Waterloo, ma c’era comunque una speranza ovvero quella di vivere questo caos per qualche giorno per poi tornare ad una normalità, certo non eccezionale ma almeno non così tragica. L’annuncio del sindaco, purtroppo, pone grandi interrogativi nella cittadinanza. Come spesso accade si procede sempre ad annunciare qualcosa senza mai dettagliare e quindi informare i cittadini sulle azioni che dovranno, almeno nella mente di chi l’ha pensate, evitare la paralisi alla città. Dunque ci chiediamo se, come affermato più volte, la nuova strada che dovrebbe assorbire parte del traffico veicolare di Via Popilia sia pronta per essere consegnata all’uso quotidiano da parte dei cittadini e di coloro i quali per diverse ragioni devono raggiungere e transitare nella nostra città. Al momento registriamo solo l’affermazione del primo cittadino che sono in corso i lavori per la nuova strada che unirà il Ponte di Calatrava alla Sopraelevata. La scelta in attesa del completamento anche di questi lavori, sarà forse iniziare a chiudere una sola carreggiata, come dichiarato anche da parte dell’amministrazione, istituendo il transito da e verso sud città, sulla carreggiata restante. In questo caso, oltre a un Viale Parco certamente depotenziato nell’assorbimento del flusso veicolare, restano soltanto due arterie, che correranno il grande rischio della capitolazione: Via Roma (ex Via Misasi) e Via Popilia. Conosciamo bene i limiti di queste due arterie: la prima interrotta da una chiusura che obbliga a roboanti transiti nelle vie limitrofe per superare “l’ostacolo”, la seconda invece strutturalmente non può reggere un flusso importante come quello che dovrà fronteggiare a seguito della chiusura di Viale Parco. Avremmo sinceramente gradito un altro approccio, che preveda almeno:

1. Ampia comunicazione alla cittadinanza di questo inizio dei lavori e quindi ai provvedimenti che si dovranno intraprendere per consentire lo svolgimento di tale attività

2. Aggiornamenti sulla viabilità alternativa che dovrebbe sostituire Viale Parco

3. L’applicazione di tali provvedimenti anche qualche giorno prima dall’inizio dei lavori, per consentire alla cittadinanza di poter “assimilare” i cambiamenti

4. Valutare nella pratica e non nella teoria se effettivamente questi cambiamenti sono sostenibili dalla città.

Per questi motivi, con i lavori non ancora iniziati, chiediamo un riscontro all’amministrazione comunale in modo da informare i cittadini, metterli nelle condizioni di conoscere quel che sarà la nuova mobilità. Sperando di non essere ignorati come avvenuto sulla questione del Ponte di Calatrava, per la quale ancora attendiamo un cortese riscontro.

Nuccio Tangari

“Buongiorno Cosenza”

Il ponte che canta o il ponte che cede?

E-mail Stampa PDF
calatrnChe il ponte di Calatrava non fosse completato ( e non lo è tutt’ora) lo si era ben compreso sin dalla sua inaugurazione. Guardrail mancanti, strade d’acceso incomplete, segnaletica carente etc. etc., ma che addirittura anche le rampe d’accesso a soli 3 mesi da quel 26 gennaio, giorno della fantasmagorica inaugurazione, presentassero segni di inaspettato cedimento, nessuno se lo sarebbe mai immaginato. Perché proprio questo si sta verificando in queste ore, ovvero che sulle rampe in entrata ed in uscita dal ponte dal lato di via Popilia, e non lato del vivaio, il fondo stradale non è assolutamente sicuro a causa di evidenti e pericolosi avvallamenti Si può obiettare che l’opera ha bisogno di aggiusti, di assestamento, ma è davvero così? Immaginate, per un attimo, di aver comprato con tanti sacrifici (magari con un mutuo) un appartamento e una volta entrati in possesso e fatto il trasloco vi rendeste conto che il marmo del salone traballa o che il parquet è scollato o che gli infissi non chiudano perfettamente. Ci rimarreste un tantino male? Chiamereste il costruttore chiedendogli conto di cosa vi ha venduto? Beh qui non sarà un appartamento di proprietà ma noi restiamo egualmente  basiti perché i soldi spesi restano pur sempre i nostri così come la constatazione che per un po’ propaganda si è inaugurata un’opera incompleta che necessita già adesso, e in assenza di una vera usura da utilizzo, di improcrastinabili interventi di ripristino sopratutto per la sicurezza di chi vi transita. Non è una tragedia certo. A tutto si rimedia, pagando, e poi anche piazza Fera Bilotti e le sue opere accessorie hanno bisogno di continui rappezzi, ma una domanda nasce spontanea: perché questa amministrazione si ostina ad inaugurare opere ancora non definitivamente concluse e collaudate? È successo con Santa Teresa, è successo con piazza Fera- Bilotti, è successo col ponte di Calatrava. Se tanto ci da tanto che altro ci dobbiamo aspettare? Magari di inaugurare il planetario senza l’installazione del proiettore?
Ciò detto, sommessamente e con modi urbani chiediamo, affinché qualcuno ci risponda:
•    E’ normale che ci siano  questi dislivelli?
•    È opportuno segnalare agli automobilisti che esistono questi inaspettati dossi per scongiurare incidenti?
•    E’ doveroso fare presente alla ditta esecutrice quanto verificato?
Attendiamo fiduciosi, come sempre.
 
“Buongiorno Cosenza”

Pagina 1 di 15

I Manifesti

  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti
  • I Manifesti

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione su di esso . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per conoscere i cookies che usiamo e come cancellarli, vedi la nostra politica sulla privacy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information