Tertiun non datur

Su una cosa siamo d’accordo con il sindaco di Cosenza: i numeri non mentono. Sono freddi, impietosi, veri e non mentono mai neanche quando qualcuno vorrebbe addomesticarli a proprio vantaggio.

Perché due più due farà sempre quattro e perché dieci sarà sempre maggiore di nove.

Fatta questa premessa con la stessa schiettezza diciamo che le affermazioni del primo cittadino sulle finanze comunali sono tutte, nessuna esclusa, confutabili.

Dalla prima all’ultima, facendo ricorso proprio a quei numeri che lui stesso chiama in suo soccorso ma che alla fine si rivelano il peggior j’accuse al suo modo di gestire la cosa pubblica.

Perché i numeri descrivono una verità che per quanto dolorosa per questa amministrazione è l’unica certificata.

Il sindaco afferma ad esempio che questa amministrazione ha ereditato una situazione debitoria di oltre 100 milioni di euro ma poi dimentica di aggiungere di aver ricevuto dalla Cassa Depositi e Prestiti ben 160 milioni di euro per ripianare proprio i debiti degli anni passati.

Il sindaco afferma che non ci saranno ripercussioni sostanziali per i cosentini in caso di dissesto ma non dice che ad esempio per i commercianti la COSAP aumenterà in maniera vertiginosa ovvero che raddoppierà.

Il sindaco afferma di aver risanato le casse comunali ma non dice che nel  2012 il debito rendicontato dell’Ente era di euro 200 milioni di euro e che nel 2018 diventa magicamente di ben 305 milioni ,ovvero 105 milioni di euro in più ,ovvero circa duecento dieci miliardi di vecchie lire.

Il sindaco afferma di aver ridotto la spesa per il  personale del comune ma dimentica di dire che dal 2011 (data del suo insediamento)  più di 600 dipendenti sono andati in pensione e che la stessa non è di competenza del comune.

E potremmo continuare.

Troppe affermazioni di questo sindaco non sono vere, o meglio sono false. Resta da capire se il sindaco dice il falso perché  è in malafede o dice il falso perché incompetente.

A questo punto la domanda nasce spontanea. Cosentini preferite un sindaco in malafede o un sindaco incompetente?

Tertium non datur.

Sergio Nucci

"Buongiorno Cosenza"

P.S.: a questi indirizzi le risposte alle legittime domande: perché fidarsi è bene non fidarsi è meglio.

http://www.buongiornocosenza.it/pdf/relazionerevisori2019-21.pdf

http://www.buongiornocosenza.it/pdf/CONSUNTIVO2012.pdf

©2019 Buongiorno Cosenza. Tutti i diritti riservati.

Cerca

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione su di esso . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo e come cancellarli, vedi la nostra politica sulla privacy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information